Eiaculare o non eiaculare? Questo è il problema!

Nei giorni scorsi è apparso un articolo verso il quale ci teniamo di completare con alcune nozioni specifiche. Puoi leggere l’articolo a questo link prima di continuare: https://www.deejay.it/news/eiaculare-21-volte-al-mese-aiuta-a-prevenire-il-cancro-alla-prostata-lo-studio-di-harvard/529150/?refresh_ce

L’articolo fa riferimento a uno studio di Harvard il quale sostiene che per prevenire il cancro alla prostata un uomo dovrebbe eiaculare ben 21 volte al mese, una media di 5-6 volte a settimana.

https://www.europeanurology.com/article/S0302-2838(16)00377-8/abstract/ejaculation-frequency-and-risk-of-prostate-cancer-updated-results-with-an-additional-decade-of-follow-up?ref=DJ-D-L-CC-1

È doveroso fare un approfondimento dell’articolo poiché, sebbene secondo la scienza eiaculare frequentemente sia utile alla diminuzione dell’incidenza del cancro alla prostata, alla luce degli antichi insegnamenti del Taoismo e dal Tantra, eiaculare così frequentemente debilita sia la salute complessiva dell’organismo sia l’energia vitale dell’uomo.

Vediamo insieme i due approcci per essere liberi di scegliere

Secondo gli antichi insegnamenti le ghiandole sessuali maschili come la prostata, per stare in salute e prevenire eventuali sintomi o malattie, è necessario che sia quotidianamente stimolata e massaggiata, ma senza perdere la forza vitale del seme attraverso l’eiaculazione.

Nell’articolo invece, si consiglia di eiaculare per ben 21 volte al mese senza menzionare il massaggio alla prostata come suggeriscono gli antichi insegnamenti.

La questione gira attorno al fatto che per noi occidentali il rapporto sessuale è finalizzato all’eiaculazione che attiva il processo di massaggio prostatico attraverso gli spasmi involontari nel momento topico dell’eiaculazione. Per gli antichi insegnamenti orientali invece, il rapporto sessuale è sì orgasmico, ma non eiaculatorio e la prevenzione viene attuata attraverso una pratica di esercizi di massaggio che sostituiscono gli spasmi involontari.

Riassumendo lo studio di Harvard e gli antichi insegnamenti dicono la stessa cosa, ma con approcci opposti. Una prostata che non viene massaggiata regolarmente può portare all’insorgere di sintomi e patologie.

Sempre secondo gli antichi insegnamenti orientali in materia di sessualità apprendiamo che a seconda dell’età anagrafica dell’uomo il tempo per ricreare completamente lo sperma è sempre più lungo. Per esempio, un uomo dai 20 ai 30 anni impiega da 1 a 3 giorni, dai 30 e 40 dai 5 ai 7 giorni, dai 40 a 50 anni dai 10 ai 14 gg e così via… L’uomo nel momento in cui eiacula con una frequenza maggiore al tempo biologico di ricreazione del seme indebolisce il corpo poiché altri organi impiegano la loro energia per creare più spermatozoi possibili nel più breve tempo.

Queste informazioni ci fanno riflettere e porre l’accento sulla differenza di vedute riguardo i modi per cui è importante fare una sana prevenzione: è difficile che un uomo di 40 anni possa eiaculare 5 volte a settimana, come dice lo studio riportato, quando per rigenerare interamente lo sperma ci vogliono dai 5 ai 7 giorni. In altre parole, per gli antichi insegnamenti, un uomo di 40 anni può fare sesso 5 volte a settimane, godere dei suoi orgasmi senza eiaculare, ma prestando attenzione a praticare una serie di massaggi prostatici.

Lo studio di Harvard arriva alla conclusione corretta che un massaggio regolare alla prostata attraverso l’eiaculazione previene il cancro, mentre gli antichi vanno ancora più in profondità: è il massaggio della prostata che previene eventuali sintomi e non l’eiaculazione. Le tecniche taoiste e tantriche insegnano a massaggiare quotidianamente la prostata attraverso i muscoli del perineo e dell’ano e a conservare il seme per quanto tempo si desidera per giorni, settimane, mesi o anni così da mantenere in perfetta forma tutto l’organismo, donando piaceri ben più alti e benefici profondi all‘uomo godendo appieno il rapporto amoroso a vantaggio del rapporto di coppia.

Quindi cosa fare? Eiaculare o non eiaculare? Questo è il problema!

Come abbiamo detto all’inizio del nostro articolo è bene conoscere i due metodi per poter scegliere quale strada intraprendere secondo il libero arbitrio e il libero piacere. Il nodo cruciale, sia seguendo lo studio di Harvard che gli antichi insegnamenti orientali è il massaggio alla prostata per prevenire il cancro ed altri disturbi. L’area della prostata è una zona poco considerata dagli uomini e in questo articolo vogliamo porre l’attenzione sulla sua importanza e come va trattata, sia che si scelga di eiaculare o non eiaculare.

Ma attenzione! L’uomo che non è a conoscenza delle precise tecniche degli antichi insegnamenti crea, col sesso, una pressione esagerata su prostata e testicoli danneggiandoli nel tempo. Questo modo improvvisato e non salutare di conservare il seme ha un nome preciso: coitus riservatus. È bene imparare le tecniche corrette con chi è esperto sapendo di aver bisogno di qualche mese di esercizi per godere appieno dei benefici che l’atto sessuale può donare con il metodo degli antichi insegnamenti orientali.

Articolo a cura di Livio Sol

studioso e praticante di pratiche taoiste ed insegnante della Sessualità Sacra per Uomini

In collaborazione con Corrado Bellore

insegnante di Sessualità Sacra Consapevole per Coppie.

Per ulteriori informazioni contattateci presso l’associazione Spazio Uomo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *